fbpx
esame-audiometrico.png

24 Gennaio 2024 NewsOtorinolaringoiatria
Esame audiometrico

L’esame audiometrico è un’indagine che serve a valutare la capacità uditiva di un individuo per stabilire se ci sono delle perdite di percezione e stabilire se ci sono deficit o anomalie.

L’orecchio umano si divide in tre parti, ovvero orecchio esterno, costituito dal timpano il quale fa entrare i suoni; orecchio medio, composto da tre ossicini chiamati martello, incudine e staffa che trasmettono il suono all’orecchio interno e dalla tromba di Eustachio; orecchio interno, costituito dalla coclea, che contiene i nervi che trasmettono il suono al cervello, e da vestibolo e canali semicircolari che contengono i recettori dell’equilibrio.

COME SI SVOLGE L’ESAME AUDIOMETRICO?

Il paziente viene fatto accomodare in una speciale cabina insonorizzata e gli vengono fornite delle cuffie in cui sono trasmessi dei suoni. Essi possono essere ad intensità crescente per determinare le soglie di ascolto confortevole e di fastidio del paziente (audiometria tonale sopraliminare), oppure ad intensità fissa per individuare la soglia audiometrica assoluta nei confronti di qualunque stimolo sonoro (audiometria tonale liminare).


lavaggio.png

24 Gennaio 2024 NewsOtorinolaringoiatria
Lavaggio auricolare
Cos’è?

Il lavaggio auricolare è una tecnica semplice utilizzata per rimuovere eventuali tappi di cerume presenti nel CUE (condotto uditivo esterno). Dopo valutazione del CUE con apposito strumento (otoscopio) e individuazione del tappo di cerume, si procede ad irrigazione con acqua tiepida mediante una semplice siringa.

BISOGNA SEGUIRE UNA PREPARAZIONE?

Prima di sottoporsi alla procedura è bene applicare per qualche giorno delle gocce di soluzione emolliente, per facilitare la procedura di rimozione. Si consiglia in particolare l’applicazione di CERULISINA in entrambi i condotti uditivi per tre volte al giorno, nei 5/6 giorni antecedenti all’appuntamento.

Il lavaggio auricolare è controindicato in presenza di otite media acuta, precedenti interventi chirurgici all’orecchio e perforazione della membrana timpanica.


visita-nutrizionista.png

24 Gennaio 2024 DietologiaNews
VISITA NUTRIZIONISTICA

La visita nutrizionistica consente allo specialista nutrizionista di raccogliere dati sullo stile di vita e le abitudini alimentari della persona per valutare lo stato di salute nel suo complesso ed eventuali patologie connesse.

A COSA SERVE LA VISITA NUTRIZIONISTICA?

Lo scopo è definire gli obiettivi da raggiungere insieme attraverso un percorso di educazione alimentare.

Questi obbiettivi sono:

  • perdita di peso;
  • mantenere il peso e proteggere la propria salute;
  • combattere una serie di problemi salutari legati all’alimentazione come: colesterolo, reflusso gastrico, diabete, ipertensione, ma anche cistiti, candidosi, ritenzione idrica, gonfiori addominali, celiachia, intolleranze alimentari, ecc.
COME SI SVOLGE UNA VISITA NUTRIZIONISTICA?

Durante il primo incontro vengono raccolte una serie di informazioni sullo stile di vita della persona. Vengono poi rilevati i dati riguardanti:

  • altezza
  • peso
  • circonferenze
  • BMI (Indice di massa corporea)
  • BM (Metabolismo basale a riposo)
  • grasso viscerale
  • rilevazione del grasso sottocutaneo tramite plicometria
  • valutazione del fabbisogno energetico.

In seguito verrà poi elaborato e consegnato il piano alimentare studiato per il paziente.


Logo

Ci prendiamo cura delle persone
prima che delle loro malattie, con un’attitudine
multidisciplinare che coinvolge, quando serve,
l’intero team di specialisti.

Largo Alfonso Favino 37 00173 Roma
E-mail: polifavino@gmail.com
Telefono: 06 56 56 90 37
P. IVA 14030301007
CF: 14030301007

Copyright 2017 Polimedica Favino S.r.l. - Tutti i diritti riservati